Riservata

Comune di: Civitanova del Sannio (IS)

  • Indirizzo: Corso A. Cardarelli 12
  • C.A.P.: 86094
  • Prefisso telefonico: 0865
  • Telefono: 0865 830112
  • E.mail: civitanova_sannio_is@libero.it
  • Pec: amministrativo.civitanovadelsannio@pec.leonet.it
  • Internet: www.comune.civitanovadelsannio.is.it
  • Nome Abbitanti: civitanovesi
  • Santo Patrono: San Bernardino - 20 maggio
  • Primo Cittadino: Sindaco Lidia Iocca
  • 41.666111111, lng: 14.403611111
  • Superficie: 50.47 Kmq
  • Altitudine s.l.m.: 655 mt
  • Abitanti: 955
  • Densità: 18.922,13 ab./Kmq
  • Codice ISTAT: 094016
  • Codice catasto: C769
  • Comune Montano: Totalmente montano
  • Sole Sorge : 07:20:53
  • Sole Tramonta : 18:13:16
  • Distanza da

Descrizione

Comune montano, agricolo ed industriale, di origine medievale.

La popolazione dei civitanovesi presenta un indice di vecchiaia elevato ed abita quasi esclusivamente nel capoluogo comunale, posto ai piedi di un colle e costituito da case a uno o due piani nella parte più antica, che mantengono per lo più l'aspetto originario; nell'area di più recente insediamento, al di fuori delle mura urbane, le abitazioni sono più alte e assai meno caratteristiche.

Il profilo geometrico del territorio è vario, caratterizzato da altipiani alternati a zone collinari e montuose con variazioni di quota importanti (dai 300 metri della zona settentrionale ai 1400 nella parte a sud) ma quasi sempre graduali.

Il paesaggio è ameno ed interessante pressoché ovunque ma gli scorci forse più suggestivi si godono nella parte meridionale, vicino al confine con il comune di Frosolone, dove lo scenario degli altipiani chiusi dalle vette più elevate del comprensorio è arricchito dalla presenza di un lago carsico.

La zona denominata Scalzavacca è oggetto di contestazione con il comune di Poggio Sannita.

Lo stemma è uno scudo, partito in bande orizzontali e verticali, con una lista che reca il nome del comune.

 

Localizzazione

Posto alla destra del corso superiore del fiume Trigno, lungo il tratturo Castel di Sangro-Candela, è raggiungibile percorrendo la statale 650 Fondo valle Trigno che unisce Isernia al litorale adriatico; l'Autostrada del Sole A1 corre a poco più di 60 chilometri, all'altezza dei caselli di San Vittore (distante 64 km, in direzione di Roma) e di Caianello (a 70 km, verso Napoli).

La qualità dei collegamenti con le principali direttrici di traffico è più che buona e le cattive condizioni atmosferiche non la disturbano troppo neanche nei mesi più freddi; buona parte del merito va senz'altro ascritta all'ottima percorribilità della statale 650 che ha "avvicinato" sensibilmente le comunità di questa parte della regione.

Non vi sono collegamenti ferroviari diretti: la stazione più vicina, lungo la linea Carpinone-Sulmona, dista meno di dieci chilometri.

Il porto e l'aeroporto di naturale riferimento distano rispettivamente 135 e 130 chilometri.

L'aerostazione di Roma/Fiumicino dista 230 km.

Per il commercio, i servizi e le esigenze che non possono essere soddisfatte sul posto la popolazione si sposta nel capoluogo di provincia o nei centri vicini, in primo luogo Agnone.

 

Storia

Le origini della comunità vengono comunemente fatte risalire al X secolo: il centro sarebbe stato teatro di un insediamento di pastori provenienti dalla vicina Civitavetula (poi Civitavecchia, oggi Duronia) e proprio per contrapposizione con quella avrebbe assunto l'attuale toponimo.

Il feudo appartenne ai conti di Isernia, ai Rodoico, ai d'Evoli di Castropignano, ai Caracciolo e poi ancora ai d'Evoli prima di passare ai d'Alessandro, ultima famiglia feudale, che lo acquistarono all'asta per 26.

000 ducati nel 1629.

Con la nascita della Repubblica partenopea fu inserito nel dipartimento del Sangro ed annesso al cantone di Agnone ma otto anni dopo, nel 1807, passò al distretto di Isernia, mandamento di Frosolone, da cui si rese autonomo istituendosi in comune nel 1811.

 Il patrimonio storico ed architettonico è costituito dalla chiesa parrocchiale di S.

Silvestro, di foggia rinascimentale ma di origine senz'altro più remota, e dalla chiesa del Carmelo, riedificata nel primo Novecento sui resti della vecchia cappella cimiteriale.

 

Economia

La rete dei servizi e delle strutture disponibili è adeguata alle dimensioni e alle esigenze della popolazione locale: se da un lato si nota l'assenza di strutture o servizi dedicati alla cultura (biblioteche, cinema, teatri), non mancano d'altro canto strutture ricettive ed un sistema di servizi sanitari comprendente una farmacia e la guardia medica.

Si possono frequentare tutte le classi della scuola dell'obbligo e gli automobilisti possono contare sul soccorso stradale prestato da un'officina del luogo.

Non si segnalano invece servizi sociali di particolare interesse; gli impianti sportivi consistono nel campo di calcio illuminato e nei campi da tennis e calcetto.

Il quadro economico è paragonabile a quello degli altri centri altomolisani: attività tradizionali legate allo sfruttamento dei pascoli, con la zootecnia che dà luogo ad una apprezzata attività casearia, cui si affianca un modestissimo tessuto industriale fatto soprattutto di imprese operanti nel campo dell'edilizia e dei materiali da costruzione; nel novero delle attività locali si nota la presenza, piuttosto insolita, di una ditta che si occupa di sminamento.

Il tessuto commerciale e del terziario in genere assicura alla comunità il soddisfacimento dei bisogni essenziali.

 

Relazioni

Il rientro degli emigranti in occasione delle ferie estive anima la vita normalmente tranquilla di questa comunità; un certo flusso turistico è diretto, anche fuori stagione, verso la zona dell'altopiano, nella parte meridionale del territorio comunale, meta di cacciatori, cercatori di funghi, o più semplicemente amanti del relax a contatto con la natura.

Qui, in località La Montagnola, è stata realizzata un'area attrezzata per pic-nic, campeggio ed escursioni.

Il Patrono, S.

Bernardino, si festeggia il 20 Maggio.

Carto-Guida Parchi, Mare e Montagna
Attrattive Naturali, Boschi, Monti, Oasi, Parchi, Riserve, Fiumi, Laghi, Itinerari Naturalistici, Mare, Stazioni Sciistiche

Carto-Guida Cultura e Arte
Siti Archeologici, Castelli, Torri, Palazzi, Borghi, Musei, Monumenti, Chiese, Abbazie, Cattedrali

Carta Turistica
Cartina Turistica del Molise