Riservata

Comune di: Molise (CB)

  • Indirizzo: Via Marconi 9
  • C.A.P.: 86020
  • Prefisso telefonico: 0874
  • Telefono:
  • E.mail: comunedimolise@tin.it
  • Pec: comune.molisecb@legalmail.it
  • Internet: www.comune.molise.cb.it
  • Nome Abbitanti: molisani
  • Santo Patrono: Sant'Onorato - 5 luglio
  • Primo Cittadino: Sindaco Domenico Cirelli
  • 41.630555554, lng: 14.492222221
  • Superficie: 5.2 Kmq
  • Altitudine s.l.m.: 868 mt
  • Abitanti: 162
  • Densità: 31.153,85 ab./Kmq
  • Codice ISTAT: 070039
  • Codice catasto: F294
  • Comune Montano: Totalmente montano
  • Sole Sorge : 07:24:04
  • Sole Tramonta : 16:33:47
  • Distanza da

Descrizione

Piccola comunità agricola montana, di origine medievale.

La comunità dei molisani, caratterizzata da un indice di vecchiaia particolarmente alto, è tutta concentrata nell'unico centro abitato, che sorge su una collina ammantata di boschi, situata nella valle del Trigno.

La struttura urbanistica conserva le caratteristiche dei borghi medievali: nel centro storico le abitazioni sono più vecchie, più basse e costruite in pietra; le vie sono strette e spesso lastricate a gradoni di pietra; nella zona di nuova espansione invece i fabbricati sono in cemento, comprendono spesso più unità abitative ed assumono forme architettoniche moderne.

Il territorio, dal profilo vario e ondulato, non presenta rilievi che raggiungano quote significative ed è il più piccolo in estensione fra tutti quelli dei comuni della provincia.

Il paesaggio, ampio ed aperto, spazia verso la valle del Trigno.

Il clima non è dei più temperati: ad estati ventilate succedono infatti inverni piuttosto rigidi.

Lo stemma è costituito da uno scudo attraversato da una banda obliqua e sovrastato da un elmo; raffigura una stella a cinque punte nella parte superiore ed è circondato dalla scritta "Unitas Molise Caput Prov".

 

Localizzazione

Si trova sui rilievi che separano l'alto corso del fiume Biferno dalla valle del Trigno, tra i confini dei comuni di Duronia, Frosolone e Torella del Sannio.

A un chilometro dall'abitato passa la strada statale 618 Molesana che, dopo un tragitto di circa 15 km piuttosto tortuosi, sbocca sul tracciato a scorrimento veloce della statale 647 Fondo valle del Biferno.

I caselli di San Vittore, a 79 km, e Caianello, a 85 km, immettono nell'Autostrada del Sole A1, rispettivamente verso nord e verso sud.

La qualità dei collegamenti, non eccezionale, deve fare i conti con l'orografia e talvolta anche con le insidie delle precipitazioni invernali.

Non servita da collegamenti ferroviari, ha la stazione più vicina, snodo delle linee Campobasso-Termoli, Campobasso-Vairano e Campobasso-Benevento, a 30 km.

I collegamenti aerei avvengono grazie allo scalo di riferimento distante 145 km o all'aeroporto intercontinentale "L.

da Vinci" di Roma/Fiumicino, a 245 km.

Il porto mercantile si trova a 150 Km.

Fa parte della Comunità montana "Molise Centrale".

Per i servizi burocratico-amministrativi e per l'istruzione gravita verso Campobasso.

 

Storia

Questo piccolo comune ha dato il nome sia al Contado medievale che all'attuale regione.

La sua origine risale a "Meles" o "Meloe" espugnata da Fabio nell'anno 528, come si può dedurre dal passo di Livio della narrazione della II guerra punica.

Il nome latino-italico fu attribuito anche ad un ramo della famiglia di Alczeco (condottiero slavo venuto nel Molise) che l'aveva in feudo.

La sua storia risale all'inizio della dominazione angioina; in questo periodo fu sotto la signoria della famiglia d'Evoli e degli Stendardo.

Dagli inizi del 1400 fino alla fine del 1500 il feudo passò sotto la signoria di varie famiglie tra cui i Montagano, i Carafa, i Del Tufo, i Di Blasio, i Coppa di Venafro, i Tamburri.

Da questi la proprietà fu trasferita per matrimoni e successioni ai Della Posta-Covelli, che vi esercitarono i diritti sino all'eversione dei feudi.

Del patrimonio storico ed architettonico fanno parte l'antica chiesa parrocchiale di S.

Nicola; la chiesa della Madonna del Piano, posta nella pianura sottostante l'abitato e fatta edificare dai primi baroni Della Posta-Covelli; i resti del castello longobardo; una lastra di pietra sulla quale è raffigurato il bue sabellico.

Il processo di decremento demografico in atto risale all'inizio del secolo.

 

Economia

Una comunità tanto piccola non ha esigenze tali da giustificare una rete di servizi ed uffici complessa ed articolata: non deve quindi sorprendere che nel comune si trovino unicamente gli uffici municipali ordinari, l'ufficio postale e la Pro Loco.

Non vi sono scuole e ciò costringe gli studenti ad un precoce pendolarismo; ancor più appariscente è la mancanza di servizi sanitari, tanto più disagevole in una comunità "anziana".

Non si segnalano impianti sportivi di particolare rilievo mentre non mancano, benché modeste, le strutture ricettive.

La popolazione conduce una vita calma, apparentemente poco aperta al nuovo; è ancora l'agricoltura, praticata con tecniche tradizionali, a ricoprire un ruolo determinante nell'economia locale: le coltivazioni di vite, olivo e cereali alimentano la produzione di vino ed olio, mentre scarsissimo è l'apporto del terziario e praticamente nullo quello dell'industria.

I lavoratori che non trovano impiego nelle attività citate devono recarsi nei centri vicini, particolarmente nelle aree industrializzate di Campobasso e Boiano.

 

Relazioni

Se si escludono le ovvie relazioni di dipendenza socio-economica dai centri maggiori, i contatti con l'esterno sono dovuti al turismo giornaliero e al rientro degli emigrati in occasione delle festività; gli amanti del folclore e dei riti tradizionali possono trovare motivi di interesse nelle celebrazioni della settimana che precede la Pasqua e nelle cerimonie religiose in onore di S.

Nicola e Santa Lucia.

Il Patrono è Sant'Onorato e si festeggia il 5 luglio.

Carto-Guida Parchi, Mare e Montagna
Attrattive Naturali, Boschi, Monti, Oasi, Parchi, Riserve, Fiumi, Laghi, Itinerari Naturalistici, Mare, Stazioni Sciistiche

Carto-Guida Cultura e Arte
Siti Archeologici, Castelli, Torri, Palazzi, Borghi, Musei, Monumenti, Chiese, Abbazie, Cattedrali

Carta Turistica
Cartina Turistica del Molise