Riservata

Comune di: Monacilioni (CB)

  • Indirizzo: Piazza Ambrosiano
  • C.A.P.: 86040
  • Prefisso telefonico: 0874
  • Telefono:
  • E.mail: monacilioni@virgilio.it
  • Pec: comunedimonacilioni@pec-leonet.it
  • Internet: www.comune.monacilioni.cb.it
  • Nome Abbitanti: monacilionesi
  • Santo Patrono: San Rocco - 16 agosto
  • Primo Cittadino: Sindaco Michele Turro
  • 41.609444444, lng: 14.809166666
  • Superficie: 27.21 Kmq
  • Altitudine s.l.m.: 606 mt
  • Abitanti: 553
  • Densità: 20.323,41 ab./Kmq
  • Codice ISTAT: 070040
  • Codice catasto: F322
  • Comune Montano: Totalmente montano
  • Sole Sorge : 06:16:11
  • Sole Tramonta : 19:51:20
  • Distanza da

Descrizione

Comune agricolo montano, di origini medievali.

La comunità dei monacilionesi, caratterizzata da un indice di vecchiaia particolarmente alto, è concentrata in un unico centro abitato, posto su un contrafforte impervio del monte Serrazasilla, circondato da una pianura ampia ma franosa.

La struttura urbanistica conserva i caratteri medievali: nel centro storico si trovano abitazioni molto vecchie, a volte in cattivo stato di manutenzione, in prevalenza unifamiliari e strette le une alle altre; nella zona di nuova espansione i fabbricati sono più moderni ed intervallati da vie più larghe e meglio percorribili.

Il territorio è vasto, dal profilo vario e ondulato, con un panorama piacevole: ampio e aperto su una vasta pianura leggermente ondulata.

Il clima è generalmente mite: ad estati temperate seguono inverni non troppo rigidi.

Sullo stemma, concesso con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, è rappresentato un monaco che tiene tra le mani le zampe di un leone rampante.

 

Localizzazione

Si trova sul versante sinistro della valle del torrente Tappino, nell'alto bacino del fiume Fortore, tra i territori dei comuni di Sant'Elia a Pianisi, Macchia Valfortore, Ripabottoni, San Giovanni in Galdo, Campolieto, Toro e Pietracatella.

Strade provinciali la collegano alle statali 87 Sannitica, 212 della Val Fortore e 645 Fondo valle del Tappino; si accede all'A14 Adriatica dal casello di Termoli-Molise, posto a 71 km, mentre i caselli di San Vittore, a 117 km, e Caianello, a 123 km, danno accesso all'Autostrada del Sole A1, rispettivamente verso nord e verso sud.

Si serve della stazione ferroviaria Campolieto-Monacilioni, lungo la linea Campobasso-Termoli, a 12 km dall'abitato.

L'aeroporto di naturale riferimento dista 183 km, mentre a 283 km si trova quello intercontinentale "L.

da Vinci" di Roma/Fiumicino; il porto dista 188 Km.

 Fa parte della Comunità montana "Fortore Molisano".

Per le strutture burocratico-amministrative e per l'istruzione di secondo grado gravita verso Campobasso.

 

Storia

Nel XIII secolo figura come "Castrum Monachi Leonis" e ciò lascia supporre che il primitivo villaggio (forse del XII secolo) fosse sorto intorno ad una chiesa dedicata a S.

Leone.

Nel XV secolo il suo nome era "Castrum Monacilionis" e nel XVI "Monceglione" e poi "Monacilium".

In epoca longobarda appartenne al ducato di Benevento; durante la dominazione normanna fu assegnata ai conti di Molise ed ebbe come suffeudatario, tra gli altri, Riccardo di Vasto.

In seguito passò ai conti di Campobasso; nel 1387 a Tommaso Boccapianale, signore di Pietracatella, di cui seguì le sorti fino al 1553.

.

In quell'anno la proprietà fu venduta ai Di Gennaro; in seguito passò ai Locatelli e nel 1566 ai Brancia, titolari di Sant'Elia a Pianisi.

Di quest'ultima il feudo seguì le sorti fino all'eversione del feudalesimo.

Il principale elemento del patrimonio architettonico è l'antica parrocchiale di Santa Maria Assunta, la cui origine risale al 1200: conserva le reliquie di Santa Benedetta, cara alla popolazione quasi quanto il Patrono.

Il lento processo di spopolamento che interessa il territorio risale alla prima metà del XIX secolo: nel 1835 il comune contava infatti ben 2.

802 abitanti.

 

Economia

Il comune ospita gli uffici municipali e l'ufficio postale.

I servizi sanitari a disposizione dei cittadini comprendono la farmacia e l'ambulatorio comunale; nelle strutture scolastiche presenti sul posto si possono frequentare le classi dell'obbligo.

Non si registra la presenza di strutture idonee alla promozione e diffusione della cultura, se si eccettuano le attività promosse dalla Pro Loco, e mancano del tutto le strutture ricettive, mentre gli impianti sportivi disponibili permettono di praticare il calcio ed il tennis.

Non molto favorita dai sistemi di comunicazione ed abbandonata dalle giovani generazioni, la comunità conduce una vita calma, piuttosto appartata e legata alle tradizioni.

Nel sistema economico occupa ancora un posto importante l'agricoltura, che  produce cereali, ortaggi ed olive; ne traggono alimento un modesto commercio e la produzione di olio.

L'industria è scarsamente sviluppata e non apporta un contributo significativo; il terziario consta della rete commerciale, sufficiente a coprire il fabbisogno quotidiano della popolazione; tale sistema economico non garantisce livelli di reddito particolarmente elevati, come dimostra l'assenza di sportelli bancari.

 

Relazioni

Come per molti altri comuni dalle caratteristiche analoghe, le relazioni con i centri vicini sono dettate dai rapporti socio-economici, che di solito riservano ai centri minori un ruolo subalterno e passivo.

I flussi si invertono, ed il comune diventa polo di attrazione per turisti e visitatori, quando può far valere le proprie attrattive: le risorse paesaggistiche e l'atmosfera paesana sono assai apprezzate da escursionisti, pescatori e amanti del folclore e delle manifestazioni tradizionali.

Il paese quindi si anima e si apre all'esterno in occasione della fiera di merci che si tiene in ottobre e della "sagra della soppressata" che ha luogo la terza domenica di maggio.

Di grande importanza dal punto di vista religioso è la processione delle reliquie di Santa Benedetta: un rito antico e suggestivo che si ripete solo ogni 25 anni.

La festa del Patrono, S.

Rocco, si celebra il 16 agosto con sagre popolari e manifestazioni di piazza.

Carto-Guida Parchi, Mare e Montagna
Attrattive Naturali, Boschi, Monti, Oasi, Parchi, Riserve, Fiumi, Laghi, Itinerari Naturalistici, Mare, Stazioni Sciistiche

Carto-Guida Cultura e Arte
Siti Archeologici, Castelli, Torri, Palazzi, Borghi, Musei, Monumenti, Chiese, Abbazie, Cattedrali

Carta Turistica
Cartina Turistica del Molise