Riservata

Comune di: Montagano (CB)

  • Indirizzo: Corso Umberto I 37
  • C.A.P.: 86023
  • Prefisso telefonico: 0874
  • Telefono:
  • E.mail: comune@comune.montagano.cb.it
  • Pec: comune.montaganocb@legalmail.it
  • Internet: www.comune.montagano.cb.it
  • Nome Abbitanti: montaganesi
  • Santo Patrono: Sant'Alessandro - 10 luglio
  • Primo Cittadino: Sindaco Giuseppantonio Mariano
  • 41.645555555, lng: 14.673055554
  • Superficie: 26.62 Kmq
  • Altitudine s.l.m.: 801 mt
  • Abitanti: 1.150
  • Densità: 43,20 ab./Kmq
  • Codice ISTAT: 070041
  • Codice catasto: F391
  • Comune Montano: Totalmente montano
  • Sole Sorge : 07:19:47
  • Sole Tramonta : 18:12:13
  • Distanza da

Descrizione

Comune agricolo montano di origine medievale.

I montaganesi, caratterizzati da un indice di vecchiaia particolarmente alto, sono concentrati nell'unico centro abitato che sorge su un colle e si affaccia sulla pianura sottostante.

Il centro storico è caratterizzato da abitazioni più vecchie, costruite in pietra e prevalentemente unifamiliari; nella zona di nuovo insediamento si trovano fabbricati più moderni e, in parte, condominiali.

Il profilo del territorio è vario e ondulato: montuoso e accidentato nella zona orientale, per il resto generalmente pianeggiante.

Il paesaggio, ampio e vario, da un lato guarda la vallata del Biferno, dagli altri è dominato dalle colline ricche di vegetazione.

Il clima è caratterizzato da estati fresche e inverni generalmente miti.

Lo stemma, concesso con Decreto del Presidente della Repubblica, è costituito da uno scudo azzurro in cui campeggiano tre monti all'italiana, verdi; il monte centrale sostiene una croce dorata.

 

Localizzazione

Si trova su un colle nel versante destro dell'alto corso del fiume Biferno, tra i comuni di Matrice, Petrella Tifernina e Ripalimosani.

La strada statale 647 Fondo valle del Biferno, che assicura rapidi collegamenti con il litorale adriatico, corre lungo il fiume, a circa 11 km dall'abitato.

Il casello di Termoli-Molise, a 63 km, dà accesso all'A14 Adriatica; l'Autostrada del Sole A1 si imbocca invece all'altezza dei caselli di San Vittore, a 103 km verso nord, e Caianello, a 109 km verso sud.

La stazione ferroviaria di Matrice-Montagano, lungo la linea Campobasso-Termoli, si trova a 4 km.

L'aeroporto di riferimento dista 169 km, mentre a 270 km lo scalo "L.

da Vinci" di Roma/Fiumicino permette collegamenti intercontinentali diretti; il traffico marittimo fa capo allo scalo mercantile, posto a 174 km.

Fa parte della Comunità montana "Molise Centrale".

Per le strutture burocratico-amministrative e per i servizi gravita verso Campobasso.

 

Storia

Numerose iscrizioni lapidee ritrovate nel territorio fanno supporre che sia stata fondata nel luogo in cui sorgeva la sannitica "Fagifulae", menzionata da Plinio.

Durante la dominazione longobarda fu capoluogo di una delle 34 contee in cui era diviso il ducato di Benevento; in epoca normanna fu sotto la giurisdizione di Castropignano e nel periodo svevo fu chiusa nella contea di Molise.

Nel 1239 Simone di Santangelo fu il primo feudatario; i suoi eredi vi esercitarono i diritti fino al 1477, anno in cui la famiglia si estinse.

Da quell'anno in poi, in seguito ad alterne vicende, passò sotto la signoria di varie famiglie feudali, tra cui di Capua, i Pignatelli, i Capece e in ultimo i Viespoli, che mantennero il dominio delle terre fino all'eversione feudale.

L'etimologia del toponimo non è certa: nel secolo XII era "Montem Ogeanum" e nel secolo XV "Montis agani" come risulta in un diploma del 1496 di re Federico d'Aragona.

Nel 1456 e nel 1805 fu gravemente danneggiata dal terremoto.

Il patrimonio storico-architettonico è ricco ed annovera in primo luogo i resti di Santa Maria in Faìfula, antica abbazia benedettina che sorgeva nel luogo dell'antica Fagifuli sannitica e che fu retta per qualche anno da frate Pietro Angelerio da Morrone, poi papa Celestino V; l'architettura sacra comprende la chiesetta della Madonna del Carmine e le chiese dell'Immacolata e di Sant'Antonio di Padova; del patrimonio storico fanno parte anche le lapidi con iscrizioni ritrovate nell'agro ed il castello di Collerotondo, situato su uno sperone di roccia a 5 km dall'abitato, ristrutturato e trasformato in abitazione rurale.

L'andamento demografico fa registrare una tendenza al decremento dalla fine del XIX secolo: nel 1881 contava infatti 3.

925 abitanti.

 

Economia

Appartengono al sistema degli uffici e servizi pubblici, oltre ai consueti uffici municipali e postale, una stazione dei carabinieri ed una del corpo forestale dello Stato e una sede dell'Ente per le risorse idriche del Molise.

Il servizio sanitario mette a disposizione dei cittadini la farmacia ed il presidio sanitario di base; nelle strutture scolastiche locali si possono frequentare le classi dell'obbligo.

Le strutture ricettive non consentono il soggiorno; negli impianti sportivi si gioca al calcio (anche in notturna) e a bocce e si pratica il karate.

La popolazione, che conduce una vita legata alle tradizioni e poco aperta al nuovo, vive dello sfruttamento delle risorse della terra: dall'utilizzazione dei boschi si ricava legname; lungo le pendici dei morbidi rilievi collinari o nella pianura si coltivano cereali, olivo, vite e frutta (soprattutto mele); i prodotti della terra vengono venduti o lavorati per la produzione di olio e vino.

L'industria, poco rilevante, è presente nel settore dei materiali da costruzione; il terziario consta della rete commerciale di medie dimensioni, adeguata al soddisfacimento dei bisogni della comunità.

Il reddito prodotto da questo sistema economico non è comunque particolarmente elevato, come attesta l'assenza di sportelli bancari.

 

Relazioni

Attirano visitatori le risorse ambientali, il patrimonio archeologico e le manifestazioni folcloristiche.

Tra queste ultime si segnalano le "masquarate", rappresentazioni del periodo di carnevale improvvisate con l'aiuto di strumenti tradizionali, i riti pasquali, la processione della Madonna di Faìfoli in aprile, i giochi e tornei estivi, tra cui anche tornei nazionali di tennis tavolo.

Il Patrono Sant'Alessandro si festeggia il 10 luglio.

Carto-Guida Parchi, Mare e Montagna
Attrattive Naturali, Boschi, Monti, Oasi, Parchi, Riserve, Fiumi, Laghi, Itinerari Naturalistici, Mare, Stazioni Sciistiche

Carto-Guida Cultura e Arte
Siti Archeologici, Castelli, Torri, Palazzi, Borghi, Musei, Monumenti, Chiese, Abbazie, Cattedrali

Carta Turistica
Cartina Turistica del Molise