Riservata

Comune di: Termoli (CB)

  • Indirizzo: Via Sannitica 5
  • C.A.P.: 86039
  • Prefisso telefonico: 0875
  • Telefono:
  • E.mail: sindaco@comune.termoli.cb.it
  • Pec: protocollo@pec.comune.termoli.cb.it
  • Internet: www.comune.termoli.cb.it
  • Nome Abbitanti: termolesi
  • Santo Patrono: San Basso e San Timoteo - 4 agosto
  • Primo Cittadino: Sindaco SindacoAngelo Sbrocca
  • 41.999722221, lng: 14.993333333
  • Superficie: 55.64 Kmq
  • Altitudine s.l.m.: 15 mt
  • Abitanti: 32.793
  • Densità: 589,38 ab./Kmq
  • Codice ISTAT: 070078
  • Codice catasto: L113
  • Comune Montano: Non montano
  • Sole Sorge : 07:18:57
  • Sole Tramonta : 18:10:28
  • Distanza da

Descrizione

Cittadina costiera il cui territorio è classificato collinare; al borgo di pescatori, di origine medievale, si affianca un moderno comune dalle fiorenti attività legate all'industria e al turismo.

E' l'unico capoluogo comunale dell'intera regione direttamente bagnato dal mare.

 I termolesi, caratterizzati da un indice di vecchiaia decisamente inferiore alla media, vivono nell'unico centro abitato, su un basso promontorio, e in una zona retrostante pianeggiante e aperta.

La zona moderna, costituita da moderni palazzi condominiali che si estendono fino sul lungomare, è di origine assai recente poiché risale al 1847 l'assenso del re Ferdinando II ad estendere la città oltre i bastioni che la fortificavano.

E' inserita in un territorio vasto e pianeggiante, bagnato dal torrente Sinarca e dal fiume Biferno.

Il paesaggio è quello proprio di tutti i centri marittimi, così come il clima: mite ma piuttosto umido.

Lo stemma porta nel campo una fortezza a due torri che si eleva sul mare.

 

Localizzazione

Situata sull'Adriatico, non lontana dalla foce del Biferno, è l'unico porto del Molise.

E' snodo di importanti assi viari: attraversata dalla statale 16 Adriatica, è raggiunta dalle statali 647 Fondo valle del Biferno e 483 Termolese.

Il casello di Termoli-Molise, a 4 km dall'abitato, immette nell'A14 Adriatica; la stazione ferroviaria, in pieno centro, si trova lungo la linea Bologna-Bari ed è terminale della linea Campobasso-Termoli.

Lo scalo aereo più vicino è a 109 km, l'aeroporto di Napoli/Capodichino, a 215 km; l'aerostazione "L.

da Vinci" di Roma/Fiumicino a 315 km.

Il suo porto turistico serve come base di partenza per le Isole Tremiti e per altre località turistiche; il porto commerciale più vicino è quello di Pescara, a 112 km, ma quelli più attrezzati distano 208 km, sul litorale adriatico (Bari), e 212 km, sul Tirreno (Napoli).

Fa parte del Molise Marittimo.

Per le poche strutture non disponibili gravita verso Campobasso e Larino; a sua volta è centro di gravitazione per il turismo e per il lavoro sia stagionale che fisso.

 

Storia

Sull'etimologia del nome esistono varie tesi: una lo fa derivare dal nome "Terminus" perché posta al confine dei territori dell'Abbazia di Montecassino, perciò fino alla fine del XVII secolo fu "Termine" e "Termini"; un'altra lo collega al gran numero di sorgenti termali esistenti nella zona, perciò "Termule"; un'altra ancora lo collega al fatto che la città fu distrutta e riedificata per tre volte (ter molitus).

Nel Medioevo il suo porto, dal quale salparono le galee dei crociati, ebbe notevole importanza; per difenderlo Federico II lo munì di una fortezza inespugnabile.

Come molte città della costa, subì assalti e distruzioni ad opera, tra gli altri, dei saraceni nell'827, dei turchi nel 1556 e della flotta inglese nel 1813.

Negli anni 1117, 1125 e 1456 fu colpita da fortissimi terremoti.

Capoluogo di contea sotto i longobardi, passò poi al ducato di Spoleto per tornare alla contea di Loritello in epoca normanna.

Tra le famiglie feudali che la governarono si ricordano i Di Capua, i Gambatesa, i Pignatelli ed i Cattaneo, ultimi feudatari.

Durante la seconda guerra mondiale vi sbarcarono le truppe alleate.

I due monumenti più importanti sono la cattedrale di S.

Basso dell' XI secolo e il castello duecentesco costruito dai longobardi e restaurato da Federico II di Svevia.

 

Economia

Il quadro degli uffici e servizi pubblici è ricco e articolato: vi si trovano gli uffici finanziari e giudiziari, comandi di tutte le forze di polizia e dei vigili del fuoco, sezioni degli uffici provinciali del lavoro e della motorizzazione, la capitaneria di porto, la dogana, l'azienda di soggiorno, la soprintendenza archeologica, uffici dell'Ente per le risorse idriche del Molise.

Le strutture scolastiche, oltre le classi dell'obbligo, permettono di frequentare i licei classico e scientifico, gli istituti tecnici agrario, industriale, nautico, commerciale e per geometri, e varie scuole private; la cultura riceve impulso anche dal museo e da tre circoli culturali mentre periodici locali, radio e TV private offrono informazione ed intrattenimento.

Sede di Usl, ospedale, farmacie, centri di riabilitazione, è dotata di: servizio volontario di ambulanza e soccorso stradale, sanitario e marittimo; i servizi sociali comprendono asili nido e una casa di riposo per anziani.

Grazie anche a moderni impianti si praticano: vela, windsurf, nuoto, calcio, tennis, volo a vela, equitazione, pattinaggio e tutti gli sport praticabili nel palazzetto apposito; le strutture ricettive sono numerosissime ed efficienti, di ogni tipo e livello.

Il sistema economico è vivace ed articolato; il turismo balneare, la pesca ed il terziario con la grossa struttura commerciale rappresentano le principali fonti di reddito ma non mancano le industrie: alimentare, chimica, metalmeccanica ed automobilistica.

La struttura economica è solida, come dimostra l'esercizio del credito, con la presenza di numerosi sportelli bancari.

   

Relazioni

Punto di riferimento per il lavoro, i servizi ed il commercio, offre numerose manifestazioni folcloristiche e culturali: dal festival internazionale del folclore, al festival nazionale della canzone d'autore "Premio Rino Gaetano", dalla mostra nazionale d'arte contemporanea, alla festa del mare a ferragosto, e alla sagra del pesce.

Il Patrono, S.

Basso, si festeggia il 3 e 4 agosto ed è la festa più sentita e spettacolare: la statua del Santo viene caricata su un peschereccio addobbato e portata al largo per la processione delle barche; vegliata per un intero giorno all'interno del mercato ittico, torna in processione nella cattedrale il giorno successivo.

Un sensazionale spettacolo pirotecnico chiude la manifestazione.

Carto-Guida Parchi, Mare e Montagna
Attrattive Naturali, Boschi, Monti, Oasi, Parchi, Riserve, Fiumi, Laghi, Itinerari Naturalistici, Mare, Stazioni Sciistiche

Carto-Guida Cultura e Arte
Siti Archeologici, Castelli, Torri, Palazzi, Borghi, Musei, Monumenti, Chiese, Abbazie, Cattedrali

Carta Turistica
Cartina Turistica del Molise