Riservata

Comune di: Bagnoli del Trigno (IS)

  • Indirizzo: Via Guglielmo Marconi 88
  • C.A.P.: 86091
  • Prefisso telefonico: 0874
  • Telefono: 0874 870107
  • E.mail: info@comune.bagnolideltrigno.is.it
  • Pec: bagnolideltrigno@pec.it
  • Internet: www.comune.bagnolideltrigno.is.it
  • Nome Abbitanti: bagnolesi
  • Santo Patrono: San Vitale - 20 agosto
  • Primo Cittadino: Sindaco Angelo Camele
  • 41.703055555, lng: 14.456666666
  • Superficie: 36.8 Kmq
  • Altitudine s.l.m.: 660 mt
  • Abitanti: 772
  • Densità: 20.978,26 ab./Kmq
  • Codice ISTAT: 094003
  • Codice catasto: A567
  • Comune Montano: Totalmente montano
  • Sole Sorge : 07:20:43
  • Sole Tramonta : 18:13:00
  • Distanza da

Descrizione

Comune agricolo montano di origine medievale, posto su uno sperone con vista sul fiume Trigno.

La comunità dei bagnolesi, che presenta un indice di vecchiaia molto elevato, è distribuita anche in numerose località: Colardoni, Coste di Sopra, Macchia la Cerva, Pozzo Canniello, Santa Maria, Santo Ianni, Santo Ianni Pescola.

Il centro è dominato da un masso roccioso ed ha mantenuto senza grossi stravolgimenti la sua struttura urbanistica originaria ed il suo aspetto antico, con abitazioni caratteristiche in pietra; modesta l'espansione edilizia nel dopoguerra.

Il profilo geometrico del territorio comunale è vario, con un andamento geomorfologico che degrada verso la valle del fiume dando luogo a declivi coltivati a vite, cereali e frutta.

 

Localizzazione

Il territorio si trova nel bacino superiore del fiume Trigno, sul versante destro della valle da questo solcata.

La principale arteria di collegamento è la statale 650 Fondo valle Trigno, altrimenti detta "Trignina", che collega Isernia con il litorale adriatico all'altezza di San Salvo (CH).

Per quanto riguarda i tracciati autostradali si accede all'Autostrada del Sole A1 attraverso i caselli di San Vittore, verso nord, a 71 chilometri, o di Caianello, verso sud, a 77; più vicino il casello di Vasto sud, a 55 km, che immette invece nell' A 14 Adriatica.

Non è servita direttamente dai collegamenti ferroviari; la stazione più vicina è a 22 chilometri, lungo la linea Carpinone-Sulmona, e ciò costringe l'utenza a servirsi delle autolinee per raggiungere i centri vicini o il capoluogo di provincia, distante 32 km, per il commercio ed i servizi non disponibili sul posto.

La qualità dei collegamenti è discreta, ostacolata dalle avverse condizioni meteorologiche solo nei periodi più freddi.

Oltre all'aeroporto di naturale riferimento, a 137 km, viene utilizzato anche lo scalo "L.

da Vinci" di Roma/Fiumicino, posto a 237 km e abilitato ai traffici intercontinentali.

Lo scalo merci marittimo cui si fa normalmente riferimento dista 142 chilometri.

Agnone ed Isernia sono i centri di riferimento principali per il commercio, i servizi, i rapporti con la pubblica amministrazione e più in generale per tutte le esigenze che non possono essere soddisfatte localmente; verso gli stessi centri si dirige anche il pendolarismo dettato da ragioni di lavoro o studio.

 

Storia

Le origini della comunità si legano alla storia del contado di Isernia, nei cui possedimenti si inserisce in epoca normanna, e di quello di Molise, cui appartiene durante il periodo svevo.

Alle sorti dei comuni di Trivento e Castelmauro lega buona parte della sua storia almeno fino al Quattrocento.

Tra le famiglie che hanno esercitato la loro dominazione su questa parte della regione figurano i Montefuscolo, gli Stendardo, i Cantelmo, i Trinci, i Mormile, i d'Avalos ed i Sanfelice.

Inserita nel dipartimento del Sangro con le riforme amministrative del 1799, passò al distretto di Isernia (governo di Trivento) nel 1807.

Del castello Sanfelice rimangono resti interessanti: la struttura rettangolare della pianta e soprattutto le mura poste sulla roccia che domina l'abitato risalgono al XVI sec.

ma sono senza dubbio frutto di rimaneggiamenti operati su manufatti di più antica origine; risalgono invece al XV secolo la chiesa parrocchiale di S.

Silvestro papa e la "casa romanica" posta nel centro storico.

 

Economia

La struttura commerciale ed amministrativa di questo comune è quella essenziale: i servizi ed uffici presenti sono quelli comunali e postali e vi è una stazione dei carabinieri; le strutture scolastiche sono sufficienti per i corsi di istruzione obbligatoria mentre i servizi sanitari offrono l'ambulatorio ed una farmacia.

Di scarsissimo rilievo le attività industriali e artigianali che non riescono a determinare un assetto economico ricco, con valori di reddito significativi.

Non si registrano altre particolari strutture dedicate alla diffusione della cultura, alla pratica dello sport o alla fornitura di servizi di interesse pubblico e sociale al di fuori di quelli citati.

Buona parte della popolazione in età lavorativa si sposta, spesso in via permanente, alla ricerca di occupazione; questa situazione ha dato luogo ad un fenomeno peculiare: risulta infatti che fra i conducenti di taxi romani ve ne sia un buon numero proveniente proprio da questo comune e da quelli limitrofi e non è raro, durante le ferie estive, vedere in questi paraggi auto pubbliche con targa della capitale.

Le strutture ricettive, quelle per il tempo libero e la rete commerciale risultano dimensionate secondo le modeste esigenze della popolazione residente.

 

Relazioni

La località è meta di villeggiatura per gli emigrati che vi fanno volentieri ritorno soprattutto nel periodo estivo.

L'ambiente naturale ed i reperti architettonici sono elementi di richiamo per chi desideri visitare questo comune.

Chi sceglie di trascorrere qui le ferie estive può comunque approfittarne per assistere, il 20 agosto, alle celebrazioni per il Patrono, S.

Vitale.

Carto-Guida Parchi, Mare e Montagna
Attrattive Naturali, Boschi, Monti, Oasi, Parchi, Riserve, Fiumi, Laghi, Itinerari Naturalistici, Mare, Stazioni Sciistiche

Carto-Guida Cultura e Arte
Siti Archeologici, Castelli, Torri, Palazzi, Borghi, Musei, Monumenti, Chiese, Abbazie, Cattedrali

Carta Turistica
Cartina Turistica del Molise