Itinerario molisano: Dal mare alle colline

Risalendo dalla piana costiera seguendo gli stessi percorsi che da millenni segnano i campi gi grano e le colline punteggiate di uliveti, si scopre Larino.

Larino
- Area archeologica di Larino: La città romana e l'anfiteatro

San Giuliano di Puglia

Casacalenda (Gerione)
- Il castellum medievale

Morrone del Sannio
- L'Abbazia di Casalpiano

blog molisetour.it

Risalendo dalla piana costiera seguendo gli stessi percorsi che da millenni segnano i campi gi grano e le colline punteggiate di uliveti, si scopre Larino. Qui i segni dell’opulenza di quegli antichi larinati che Cicerone immortala nell’orazione Pro Cluentio, famiglie di antica stirpe che avevano in queste contrade assolate le loro terre, i loro affari, i loro allevamenti. Onori e prestigio nell’anfiteatro, dono per testamento da parte di personaggi che fecero storia anche nella Capitale, e nelle annesse terme, con le vasche ondeggianti di mosaici policromi, con delfini e animali marini; prestigio ed onore anche nelle case private, adorne di splendidi pavimenti mosaicati.
blog molisetour.it

Verso sud-ovest, dove le colline si attenuano dolcemente per scendere verso il fiume Fortore, erano vasti campi lussureggianti di vigneti e messi, qua e là le fattorie grandi e piccole in cui si lavoravano i prodotti agricoli per il consumo quotidiano e per i mercati; a San Giuliano di Puglia è una di queste villae rusticae, che conserva l’ambiente del torchio e l’annessa piccola cella vinaria o olearia. Nelle campagne, oltre le colline che sovrastano l’antica città ad occidente, si susseguono le cime di colline sempre più aguzze, e tra queste Gerione, presso Casacalenda, su cui il castellum medievale comincia a mostrare, nel corso degli scavi, le tracce di mura ben più antiche e le testimonianze, ora più concrete, della presenza di Annibale che qui attese con il suo esercito ed i suoi elefanti la primavera che lo avrebbe portato alla schiacciante vittoria di Canne nel 216 a.C.

blog molisetour.it

Ancora più ad occidente, proseguendo lungo l’attuale strada statale – a sua volta ricalcante il percorso che nelle cartografie antiche congiungeva Bojano a Larino –, si lambisce Morrone del Sannio, dove l’abbazia di Casalpiano rivela, sotto i medievali edifici sacri, un’altra delle villae rusticae che segnavano il territorio municipale di Larinum; qui un pavimento in cocciopisto con mosaico ci lascia, scritto in lingua sannitica, il nome di uno dei proprietari.

foto e articolo preso online


Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione). La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito. Le configurazioni relative ai Cookies potranno essere modificate in ogni momento cliccando su Cookie Policy o utilizzando il link “Cookie Policy” in fondo alla pagina.. ( vedi cookies)