Sono passati 108 anni dall'ingresso dell'Italia nella prima guerra mondiale, da quelle che Gabriele D'Annunzio, fervente interventista, ribattezzò ''le radiose giornate di maggio''.

Image placeholder

Accadde oggi, 24 maggio 1915: l’Italia e la Grande Guerra. La partecipazione dell’Italia alla prima guerra mondiale ebbe inizio infatti il 24 maggio 1915, ovvero: circa dieci mesi dopo lo scoppio del conflitto. Durante questi 10 mesi, il nostro Paese conobbe grandi mutamenti politici, con la rottura degli equilibri giolittiani e l’affermazione di un quadro politico rivolto a mire espansionistiche, legate al fervore patriottico e agli ideali risorgimentali. Inizialmente il Regno d’Italia si mantenne neutrale nella Grande Guerra e parallelamente alcuni esponenti del governo iniziarono trattative diplomatiche con entrambe le forze in campo, che si conclusero con la sigla di un patto segreto con le potenze della Triplice intesa blog molisetour.it Durante questo lungo periodo di trattative, l’opinione pubblica giocò un ruolo fondamentale. La scelta o meno di entrare in guerra fu condizionata dalle decisioni delle masse popolari, divise tra interventisti e neutralisti. A conclusione delle trattative, il Regno d’Italia abbandonò lo schieramento della Triplice alleanza dichiarando guerra all’Austria-Ungheria il 23 maggio 1915, e avviando le operazioni belliche a partire dal giorno successivo. Poi, l’Italia dichiarò guerra all’Impero ottomano il 21 agosto 1915, al Regno di Bulgaria il 19 ottobre dello stesso anno e, sull’onda dell’entusiasmo legato alla presa di Gorizia, dichiarò guerra all’Impero tedesco il 27 agosto 1916. blog molisetour.it fonte e foto prese su internet


24/05/2023

redazione RAI

1519

Facebook